LA SFIDA "Food&wine tourism"

Importante da sapere

  • Data inizio:
  • Data fine:
  • Numero vincitori: 10
  • Premi: 10.000€ cadauno
  • Idee di business: 212

La sfida in sintesi

La seconda sfida del 2018 di FactorYmpresa Turismo, nel contesto del “2018 Anno del Cibo Italiano”, ha riguardato un tema di grande attualità per la valorizzazione turistica del nostro Paese. Innovare, integrare e connettere imprese, professioni, servizi e mercati del turismo e dell’enogastronomia. 
Territorio, Esperienza e Marketing i tre temi sui quali si è declinata la sfida.

La sfida

La forza attrattiva della cultura enogastronomica italiana, i suoi effetti sulla brand image del paese, le dimensioni e la varietà dell’offerta esistente ed i trend di crescita della domanda, pongono il sistema turistico italiano nella esigenza di cogliere al meglio questa opportunità. La sfida per lo sviluppo del Food&Wine Tourism in Italia è innovare, integrare e connettere imprese, professioni, servizi e mercati del turismo e dell’enogastronomia. Si tratta di superare la frammentazione esistente tra i due comparti valorizzando le opportunità di business derivanti dalla collaborazione e dalla integrazione tra le due filiere.

In particolare, la sfida si articola in tre diversi ambiti di azione in cui occorre mettere in campo policy adeguate, soprattutto in termini di programmazione e capacità di governance, ma anche con nuove iniziative imprenditoriali in grado di offrire nuovi servizi e nuove soluzioni. 

1. Territorio
L'Italia conta un numero record di prodotti agroalimentari e vinicoli di qualità con riconoscimento Dop, Igp e Stg, iscrizioni nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità e del Patrimonio Immateriale Culturale Unesco, Strade del vino e dei sapori ed i musei del gusto.

2. Esperienze
La domanda di turismo enogastronomico è cresciuta, si è evoluta e oggi desidera vivere esperienze autentiche legate alla conoscenza della cultura enogastronomica nelle molteplici espressioni che è in grado di offrire: cibo, vino, itinerari, tradizioni, produzione, acquisto.

3. Marketing
Il food and wine italiano è un fattore caratterizzante dell’immagine turistica del nostro Paese, capace di far nascere un desiderio forte che si traduce in una motivazione al viaggio, all’esperienza enogastronomica ed alla condivisione per turisti e visitatori italiani e stranieri. Contestualmente la conoscenza dei nostri prodotti da parte dei turisti stranieri genera maggiore conoscenza dell’enogastronomia italiana nei paesi di provenienza e contribuisce a stimolarne le esportazioni.

L’accelerathon

I team degli innovatori in startup hanno avuto tempo fino al 10 settembre 2018 per presentare online la propria idea imprenditoriale. Dei 230 progetti arrivati a INVITALIA | L’Agenzia per lo Sviluppo, 20 sono stati selezionai per la fase finale della sfida Food and Wine Tourism: l’accelerathon, a Torino il 20 e 21 settembre, ospitato da Terra Madre Salone del Gusto 2018 di Slow Food.

Una full immersion di 36 ore, dove gli innovatori sono stati accompagnati da mentor e tutor dell’Agenzia per arrivare a un pitch finale di fronte ad una giuria che ha premiato i migliori 10. In palio una dotazione complessiva di € 100.000, un contributo di € 10.000 per ognuno dei premiati e in più una serie di servizi di accompagnamento iniziali.
 

SCOPRI I VINCITORI

  • ESPERIENZA.COM

    Piattaforma studiata per rendere accessibile il turismo esperienziale locale. In particolare aziende, user e professionisti del settore, avranno a disposizione un valido strumento che gli permetta di prenotare pacchetti personalizzati per vivere emozioni attraverso nuove scoperte sensoriali e di degustazione delle eccellenze dell’enogastronomia locale.

  • WINEDERLUST ITALY

    È una piattaforma che propone wine tour ed esperienze enogastronomiche alla scoperta di territori minori con produzioni di elevata qualità e piccole eccellenze all’interno di territori più noti, fieri baluardi del made in Italy. Risponde all’irresistibile desiderio di viaggiare scoprendo l’Italia più autentica al di fuori dei classici percorsi turistici più famosi e pubblicizzati.

  • QUOVAI

    Si tratta di una piattaforma digitale che nasce con l’obiettivo di risolvere il problema legato alla mancanza di coesione e team–play tra gli operatori turistici. Con l’utilizzo di questa piattaforma lo “smart cluster” che gravita intorno alle strutture ricettive avrà la possibilità di offrire ai turisti una serie di prodotti e servizi locali, altrimenti non sufficientemente visibili al turista. In questo modo si potrà creare una sorta di rete tra le strutture ricettive e i vari prodotti e servizi locali che si possono trovare nelle immediate vicinanze.

  • BEE-O-VEG

    È un’applicazione mobile che consente, in qualunque posto ci si trovi, di trovare cibi strettamente legati al territorio di origine, per la tipicità oppure per la provenienza. Utilizzando l’app sarà facile trovare il cibo di strada ispirato alle ricette italiane e ottenuto da materie prime biologiche e a km zero, ma anche le aziende agricole dove poter acquistare direttamente dal produttore. Si compie un viaggio virtuale alla scoperta di un territorio vivendo un’esperienza reale attraverso la sua cucina.

  • GOTTO WINE TOUR

    E’ una piattaforma per l’enoturismo, che semplifica la ricerca di informazioni e la prenotazione delle visite in cantina. Gli utenti, tramite questo vero e proprio tour operator digitale per il turismo del vino, potranno facilmente ottenere tutte le informazioni necessarie sulle cantine e prenotare il proprio pacchetto enoturistico completo.

  • CANTINE.WINE

    Booking specializzato che consente di vivere un’esperienza di degustazione indimenticabile prenotando una visita nei luoghi in cui nasce il prodotto vitivinicolo. Ogni utente avrà la possibilità di concretizzare il tour enologico scegliendo, in base alle proprie preferenze, l’esperienza che vuole vivere.

  • LA BOULE

    Si tratta di un’innovativa sfera racchiusa in un pratico packaging contenente al suo interno i prodotti tipici della cucina pugliese ovvero orecchiette, ragù e formaggio vaccino. Essa, realizzata in maniera artigianale, può essere cucinata a casa in pochi minuti all’interno della sua stessa confezione. LA BOULE sarà venduta presso tutti gli store agroalimentari e on-line.

  • TTATTA' GO

    È una chatbot che, tramite l’impiego di intelligenza artificiale, data analyst e machine learning, risponde in maniera immediata e geo localizzata alle richieste dell’utente su cosa fare, cosa vedere e cosa mangiare. Sperimentato con informazioni riguardanti 24 paesi dell’area del Parco Naturale dei Nebrodi, Ttattà Go consente al turista di accedere alle informazioni in modo semplice e veloce senza l’installazione di alcun tipo di software sui device.

  • XSPOT

    E’ un social media manager virtuale basato su intelligenza artificiale che trasforma il classico hotspot wifi in uno strumento di marketing innovativo che gestisce e diffonde in maniera automatica i contenuti social dei ristoratori che lo istalleranno. Quando gli utenti si collegheranno alla wifi zone del locale che avrà installato il mini router Xspot avranno una pagina di login 100% personalizzata con i contenuti che si aggiorneranno automaticamente da facebook e instagram del locale, ed offriranno informazioni e contenuti sui prodotti/servizi in prossimità (menu del giorno, carta dei vini ecc…) collegando Xspot ad un determinato #hashtag.

  • SOMMELIER FOR ALL

    E’ un nuovo strumento digitale mobile semplice e veloce, che mettendo in contatto il ristoratore, il sommelier e il consumatore, vuole offrire un sistema On-demand di consulenza scelta dei vini al cliente ed un innovativo sistema di menu digitale al ristoratore. In particolare, il consumatore sedendosi al tavolo troverà sul proprio dispositivo, tramite un sistema di geolocalizzazione e senza l’utilizzo del proprio traffico dati, il menu digitale, i vini offerti dalla cantina e l’accoppiamento vino-cibo consigliato dal sommelier (a distanza) in base al menu e alla cantina.

  • 20
    Finalisti
  • 212
    Idee d'Impresa
  • 10
    Vincitori